8 commenti su “Addio a stu munno e munnezza!”

  1. fantastica foto, messaggio chiaro, lo voglio anche io fuori al balcone di casa mia 😉

  2. Prodi, con tutto il suo seguito, va a trovare i terremotati.
    Trova il primo che gli dice: “Io avevo una casa, tutta la vita a lavorare per costruirla… due minuti e non c’è piu’…”. E Prodi: “Segretario, segni tutto!”.
    Continua cosi’ per molta altra gente finche’ non arriva ad un uomo nudo con in mano una statuetta che gli dice: “La cosa che avevo più cara era questa statuetta e quando ho sentito il terremoto sono corso fuori dalla doccia per salvarla. Sono riuscito a prenderla al volo ma la teca che la proteggeva mi ha tagliato il cazzo! Come sono infelice!”. E Prodi: “Segretario, segni pure questo” e continua ad andare. Dopo un pochino il segretario dice: “Ma, onorevole, per quell’uomo che ha salvato la statuetta ha intenzione di dargli un cazzo?!?”. E Prodi, scocciato: “Perché cosa credi che dia anche agli altri!”

  3. Pingback: ..:: Blog di UnUt ::..

  4. Le sassaiole contro la polizia e altri atti vandalici sono stupidaggini, la il manichino attaccato al palo la dice lunga sulla frustazione dei cittadini che si sentono dire belle parole e, come al solito, nessuno fa qualcosa per metterle in pratica.

  5. Pregare lo SPIRITO SANTO che vi illumini. Dovete smetterla di NON riciclare CARTA, VETRO, PLASTICA e residui Organici come rimanenze alimentari di frutta e verdura.
    Il resto della spazzatura va incenerita per produrre energia. Non potete dopo secoli di novità alimentari dalla Pizza al Vino, alla Pasta, ai Pomodori etc lasciare alle generazioni che verranno immondizia. Inoltre non vedo il profitto che genera il seppellimento dei rifiuti senza nessuna selezione. Se separate carta, vetro, plastica ed anche il residuo organico che produce fertilizzante si possono creare nuovi posti di lavoro. Con la disoccupazione che avete credo che questo suggerimento valga oro
    Un napoletano fuori dalla bolgia Sono nel Nord Ovest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.