Addio Blog, tutti su Facebook?

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Facebook ha compiuto 6 anni e si è fatto un regalo con un look nuovo che è stato abilitato ad una parte dei suoi users (test area), pochi giorni di attesa  per l’upgrade a tutti gli altri utenti.

L’upgrade grafico del sito era atteso da molto e già  dallo scorso ottobre è stato possibile osservare alcune immagini della nuova interfaccia grafica. Il restyling pare ad una prima occhiata meno rivoluzionario, ma con una maggiore cura nelle funzioni di ricerca e nuova disposizione dei comandi per rendere più accessibili sia i contenuti che le apps abilitate sul singolo profilo utente.

Il “compleanno” è  anche l’occasione per Mark Zuckerberg (fondatore e Ceo di Facebook) di fare una valutazione dello stato attuale, con un post sul blog di FB, ha svelato che gli users sono 400 milioni in tutto il mondo (più che raddoppiati nell’ultimo anno).
Questo successo ha ovviamente influito negativamente sulla diffusione e l’uso dei blog, uno studio sul “Pew Internet & American Life Project” si apprende come la popolazione degli adolescenti sia meno interessata ai Blog, ma molto favorevole ai social network per la personale esperienza digitale, soprattutto per l`immediatezza nell`utilizzo.

Zuckerberg ha promesso altre news, la testata “TechCrunch” infatti ha pubblicato un articolo in cui si fa cenno ad un fantomatico progetto “Titan” che dovrebbe rivoluzionare le e-mail entrando in concorrenza diretta con Gmail.

2 commenti su “Addio Blog, tutti su Facebook?”

  1. Speriamo veramente di no, il mercato del web è praticamente governato da Facebook e alcuni altri colossi, personalmente opto per i web, non per un solo sito web.

  2. Facebook è immenso ormai, dalle liste alexa è secondo solo a Google.

    Sicuramente però non va miticizzato, io sono sempre per la creazione di blog e sfruttare facebook ( finchè resterà gratuito ) per ottenere visite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.