Risorge dalle ceneri italia.it

Riv-it-alizziamo? Risorge dalle ceneri italia.it

Sembra proprio questa l’intenzione di Michela Vittoria Brambilla sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al Turismo.
Italia.it, il sito vetrina del nostro paese affossato dagli scandali nello scorso gennaio (altri post: un sito da milioni, not it my name, ri-italia.it) torna alla ribalta per un nuovo importante sviluppo:
“Ho assunto io la gestione del portale Italia.It. Non ve ne posso parlare ora, la storia è complessa e ho bisogno di un pò di tempo. Ma ho istituito un comitato per le nuove tecnologie anche per dare una risposta a questi problemi. Prima di chiedere altri soldi, come ho imparato dalla mia esperienza imprenditoriale, voglio spendere quelli che ci sono. Spendiamo quelli che abbiamo bene e poi vedremo se ne servono altri.
Il comitato si insedia tra 10 giorni, ma per la messa in rete del portale credo che avremo tempi celeri”.

Il comitato? Chi ne farà  parte? Ne sapete qualcosa? La saga continua…

9 commenti su “Risorge dalle ceneri italia.it”

  1. Pingback: diggita.it

  2. L’importante che non spendono altri soldi visto che ne erano stati stanziato oltre ogni aspettativa. Per fare un sito milioni di euro!Mah….

  3. della serie: vediamo se riusciamo a fare ancora fessi gli italiani e spartirci un bel pò di quattrini che tanto protestano i soliti quattro gatti… (già visto e sentito, amici)

  4. @fab e già, ma sarebbe anche una sconfitta della serie:
    in italia è impossibile realizzare un portale istituzionale di promozione turistica. Sarà vero?

  5. Sinceramente è sotto gli occhi di tutti….che un sito realizzato come è statyo realizzato italia.it non possa valere milioni….ci hanno mangiato di brutto…ma questo il bello dell’italia no?Se la torta da spartirsi non è grande è meglio non fare nulla….

  6. “Ho assunto io la gestione del portale Italia.It.”

    Bene… spenderemo altri fantamilioni di euro per una cosa che se la fà una community viene fatta meglio…. 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.