Super crunchers e motori di ricerca

Super crunchers e motori di ricercaHo letto oggi un post che merita una segnalazione di Giorgio Soffiato su marketingarena.it in cui racconta il suo intervento sui motori di ricerca in un corso universitario di e-business. Nel post è consultabile ed anche scaricabile una presentazione in slide intitolata: “Storia, geografia ed evoluzione del search engine marketing“.

Ho apprezzato moltissimo alcuni accenni di Giorgio sugli scenari futuri del web, sul futuro dei motori di ricerca, sul SEO e SEM e sugli strumenti sempre più scientifici su cui si basano analisi e previsioni. Viene citato un testo davvero essenziale per comprendere l’importanza della statistica applicata al web: Super crunchers di Ayres Ian, Sperling&Kupfer.

Ayres Ian sostiene che le statistiche dominano la vita di un numero crescente di persone e con l’analisi dei siti internet più diffusi e frequentati è possibile desumere le preferenze, i desideri e i segreti più nascosti di uomini e donne di ogni paese.

Studiando i siti internet piu’ utilizzati, come Google e Amazon, una classe di ‘decisori’, i Super Crunchers, studia le scelte dei consumatori stabilendo gli orientamenti e le preferenze del futuro. Ogni ambito professionale viene investito da modelli matematici, basati sull’analisi dei numeri e delle tendenze in atto, per individuare come si evolveranno i costumi, le scelte e le possibilità .

Tutto nasce, comunque, dallo studio della rete. ‘Oggi – spiega infatti l’autore – le persone cercano i consigli che Internet ricava dal comportamento massificato. Alcuni di questi motori di ricerca sulle preferenze del pubblico sono semplici elenchi di ciò che gode di maggiore popolarità ‘.

Come fare, ad esempio, per giudicare un giocatore senza averlo mai visto muoversi in campo? Come sapere se il prezzo di un biglietto aereo salirà  o scenderà  prima di acquistarlo?

Secondo Ayres soltanto i ‘macinanumeri’ sono in grado di fornire le risposte a queste domande come a tante altre questioni che ‘assillano’ l’uomo moderno. Un dato è certo. È finito il tempo in cui, per prendere una decisione, era possibile affidarsi prevalentemente all’intuizione.

4 commenti su “Super crunchers e motori di ricerca”

  1. Ciao! Ti ho risposto su webwards e solo dopo ho visto i track su marketingarena, grazie per il post e la segnalazione. Sulle 3P aggiungo solo che per la personalizzazione bisogna cercare “custom search” o leggere John Battelle, sulla profilazione direi che la scienza più interessante è il data mining, studiandone la matematica si arriva a scoprire molto anche sul marketing, infine sulla privacy c’è un testo estremo che però offre una lettura interessante se presa con le giuste cautele ed è “the dark side of google” che puoi trovare in libreria o scaricare gratuitamente da ippolita.net, concordo poi che ci sono molte altre fonti non in italiano 🙂

  2. “Secondo Ayres soltanto i ‘macinanumeri’ sono in grado di fornire le risposte a queste domande come a tante altre questioni che ‘assillano’ l’uomo moderno. Un dato è certo. È finito il tempo in cui, per prendere una decisione, era possibile affidarsi prevalentemente all’intuizione. ”

    Naturalmente, concordo con l’assunto! L’intuizione non basta, ma aiuta sempre;).

    Un caro saluto, Paolo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.