Il Web 2.0 a scuola

Il Web 2.0 a scuolaIl web 2.0 si sta evolvendo rapidamente verso la sua nuova incarnazione, complice la banda larga che lentamente (purtroppo più lentamente in italia) serve tutti gli angoli del pianeta.
Il web 3.0 dovrebbe fare uso di strumenti per ricercare, estrarre ed integrare le informazioni ma, piuttosto che collegarle semplicemente fra di loro, dovrebbe consentire di farsi strada tra i dati disponibili del tipo giusto ed estrarre le informazioni desiderate.
Il web 3.0 si baserà  dunque sulla ricerca ed il recupero delle informazioni rilevanti che abbiano significato per l’utente.

In attesa che questa evoluzione si compia c’è chi oggi in Italia si impegna a diffondere la conoscenza del web 2.0 e dei suoi strumenti tra cui i blog, tra questi Annarita  Ruberto ed il suo blog websomethingelse.blogspot.com.

Proprio pochi giorni fà  è stato pubblicato un articolo di Annarita sulla nota rivista Scuola e Didattica (Editrice La Scuola, Brescia).
 “L’articolo affronta la delicata relazione tra il Web 2.0 e la scuola e ne delinea i possibili scenari ai fini di un contributo significativo del primo a favore della seconda, al di là  di effimere mode del momento.

Ecco il link per scaricare l’articolo in  PDF

6 commenti su “Il Web 2.0 a scuola”

  1. Pingback: diggita.it

  2. Intendevo io e i miei amici SDRENG che non siamo proprio al top riguardo le nuove tecnologie.. 😉

  3. @duhangst se per noi intendi noi blogger, sicuramente no. Siamo sicuramente fruitori e con un pò di passione ed impegno possiamo anche esserne protagonisti attivi.

  4. Grazie per la segnalazione, Paolo. Ho appena scoperto qui da te il sito La Sequoia. Fortissimo! Lo inserisco subito nel motore di ricerca per la didattica “Ricerche Maestre” di Maestro Alberto con cui collaboro.

  5. ciao annarita
    grazie del complimento, la sequoia è stato pubblicato nel lontano gennaio del 2004 anche se è presente nella sezione portfolio con data 2006. All’epoca avevo dei collaboratori bravissimi cartoonisti che, qualche anno dopo, hanno fondato la ggstudiodesign e recentemente addirittura collaborano con la Disney. Bei ricordi insomma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.